Il 17 giugno 2010 il Consiglio europeo ha deciso di attribuire, nella sorveglianza di bilancio, importanza di gran lunga maggiore ai livelli e all’andamento dell’indebitamento e alla sostenibilità  globale (punto 11.b). Già  in un articolo comparso su Moneta e Credito nel 2003, Paolo Sylos Labini suggeriva un approccio “innovativo”  in cui  la sostenibilità  dei debiti non doveva essere  giudicata isolatamente, ma considerando insieme i debiti privati delle famiglie e delle imprese e i debiti pubblici. Proponiamo una tabella sul debito aggregato dei paesi europei di Roberto Romano e l’analisi del vicedirettore della Banca d’Italia Ignazio Visco che, nel passare in rassegna la recente crisi europea, oltre al debito pubblico segnala anche il debito privato e quello della bilancia delle partite correnti.

Redazione
redazione@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.