E’ facile osservare – afferma Paolo Leon – come il termine “riformismo” sia usato da chiunque, a destra o a sinistra dello schieramento politico. Come spesso accade, il nome copre qualcosa che non si è in grado di esprimere, o che si teme di esprimere, o che può mutare a seconda delle circostanze. Si tratta, quasi sempre, di una fuga dalla responsabilità  di dichiarare cosa effettivamente si vuol fare. Il riformista, così, è attento a descrivere cosa cambierebbe in ciò che esiste, e la genericità  del termine gli fornisce ampia libertà  di muoversi da posizioni moderate fino a posizioni ultraconservatrici (leggi tutto…).

Redazione
redazione@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.