momentdi Marcello De Cecco

Ormai lo dicono tutti e da parecchio che la disoccupazione è il problema più grave della economia e della società  italiana. Dal già  orrendo 12% del presente arriverà, si prevede, al 13% quest’anno, come risultato di spinte di lungo periodo al declino tipiche del nostro paese, della congiuntura pallida mondiale, delle conseguenze delle misure adottate specialmente dal governo Monti sul livello della domanda interna, della colpevole influenza sul governo Letta del redivivo (grazie a Renzi e Napolitano) Berlusconi nell’imporre la cancellazione dell’ Imu. In altri tempi e in altri luoghi, ma ancora oggi, la disoccupazione giovanile ai livelli italiani induce primavere arabe e rivolte religiose. Qui non è successo finora grazie all’ammortizzatore famiglia, che però è una diga in cui già  si vedono pericolose falle, per il cedimento della occupazione dei capifamiglia e del pauroso crescere della disoccupazione di lungo periodo. Ormai l’unanimità  è anche totale sulla necessità  di rilanciare la domanda interna, ora che si è visto che nemmeno le tanto ammirate esportazioni italiane hanno più tanto fiato in corpo.

continua la lettura

Redazione
redazione@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.