La Repubblica del 12 settembre 2011 riporta che Fedele Confalonieri e Gianni Letta, i due più fidati amici del Cavaliere, la scorsa settimana hanno esortato Berlusconi a considerare un percorso  che lo guidi fuori dalla presidenza del consiglio senza scossoni e soprattutto con iter concordato. Ma lui resiste dicendo: “Finirei in galera”. Esattamente quello che Paolo Sylos Labini, riprendendo un’intervista di Berlusconi a Biagi su L’espresso del 30 novembre 2000, aveva scritto a proposito della decisione di Berlusconi di entrare in politica e cioè che si trattava di una scelta dettata dalla necessità  di “evitare la galera e salvare la roba” (Berlusconi e gli anticorpi, Laterza 2003). Ora, nel mezzo di una pesante crisi finanziaria internazionale, l’Italia è ulteriormente penalizzata dall’ostilità  che circonda il premier italiano a livello europeo a cui si aggiungono il dietrofront della Confindustria e della Cisl e persino la diffidenza della Chiesa.

Redazione
redazione@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.