Dopo tre anni dallo scoppio della crisi  nulla è cambiato nell’insegnamento universitario: il pensiero dominante è ancora legato a filo doppio con il potere economico, finanziario e politico. Per questo un gruppo di economisti svizzeri ed europei ha lanciato un nuovo appello in linea con il Manifesto per la libertà  del pensiero economico  per affermare un approccio pluralistico nella scienza economica (leggi l’appello…). 

Redazione
redazione@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.