Al tempo dell’Unificazione era già visibile un divario nelle condizioni economico-sociali fra le regioni centro-settentrionali e quelle meridionali; nei successivi decenni il divario si è andato accentuando, anche se quelle condizioni sono migliorate tanto nelle regioni del Nord che in quelle del Sud. Il miglioramento è stato assai lento fino alla seconda guerra mondiale, salvo che in alcune regioni del Nord; è stato relativamente rapido negli ultimi cinquantanni ed oggi, nel Sud, si aprono prospettive particolarmente incoraggianti, come può apparire considerando la crescita di certe produzioni ad alta tecnologia e l’andamento delle esportazioni. Sono queste le osservazioni che intendo sviluppare in questa mia relazione.
(Roma 2001 Quaderno n.8 di “Informazioni SVIMEZ”)
Paolo Sylos Labini
nomail@nomail.nomail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.